Tour da brividi per San Martino di Lupari: prima Lucca, poi Ragusa

L'impegno più ravvicinato per la compagine di "Larry" Abignente sarà con la formazione toscana, che può schierare atlete di altissimo calibro.

Un time out di coach Abignente.

C’è ancora una doppia trasferta sul cammino di marcia del Fila, ed è un ostacolo al quale le Lupe ormai si stanno abituando, visto che sarà la terza volta in dieci giornate di campionato. Prima Lucca e poi Ragusa: un tour da brividi per qualunque squadra, che le ragazze di Abignente sono comunque determinate ad affrontare al massimo, per provare a tentare l’impresa. Si comincia dalla formazione toscana, capolista imbattuta, domenica alle 18.00 al Palatagliate di Lucca.

L’AVVERSARIA. Finora l’ambiziosa squadra di coach Diamanti non ha sbagliato un colpo: 8 vittorie su 8, miglior difesa del campionato e secondo miglior attacco, e un quintetto che di media va in doppia cifra sia per punti che per valutazione con tutti i suoi elementi. La neozelandese Jillian Harmon, tornata in Italia dove aveva già giocato con Comense e Parma, è la top scorer di una squadra che sta ottenendo grandi cose anche dalla riconfermata pivot Kayla Pedersen, dall’ala Julie Wojta (che sta ripagando l’attesa della società dopo il grave infortunio della scorsa stagione) e dalle azzurre Martina Crippa e Francesca Dotto, quest’ultima tornata in Toscana dopo una stagione a Venezia e grande ex dell’incontro, così come Angela Gianolla dall’altra parte.

I PRECEDENTI. Lo scorso anno le due gare con Lucca hanno regalato al Fila due delle vittorie più emozionanti della stagione, sempre sul filo di lana (60-58 in Toscana, 66-61 a San Martino con una grande rimonta nel finale). Due risultati che avevano infranto un tabù, dopo 4 confronti tra A1 e A2 sempre favorevoli alla Gesam Gas. Una curiosità: negli ultimi due anni al PalaTagliate è finita entrambe le volte con il punteggio di 60-58, nel 2013/14 per Lucca e nel 2014/15 per San Martino.