Ardita Gorizia, che beffa: Bassano vince con un tiro da metà campo

Prova clamorosa degli isontini: con i soli Marcetic, Polvi e un manipolo di giovani, sfiorano la vittoria ma vengono superati da una "preghiera" di Maiello.

I giovani dell'Ardita Gorizia hanno dimostrato grande carattere contro Bassano.

Sconfitta di misura dell’Ardita Gorizia contro Bassano, ma clamorosa è stata la partita in generale: coach Busolini si trovava di fronte, infatti alla più classica delle gare in stile “mission impossible”, stanti le assenze di Manservisi, Mucic, Nanut, Casagrande e Fornasari.

Il più che decimato roster goriziano poteva contare solamente sui senior Marcetic e Polvi, attorniati da una truppa di ragazzini classe 1998 e 1999. Una squadra juniores, in pratica, che si trovava ad affrontare una Orange1 Bassano che però doveva fare a meno di Gallea, faro del gioco di Mattioli nonché elemento duttile e multidimensionale, ma rimasto in panchina per quaranta minuti.

Match oltretutto anticipato al sabato al PalaUGG di Piazza Battisti, con una buona cornice di pubblico che ha visto fin da subito lottare la propria squadra: non si realizza molto, anche perchè ovviamente l’obiettivo di coach Busolini è quello di tenere basse le percentuali degli avversari, dotati di maggior fisicità e centimetraggio. L’ala tiratrice Vazzana (17) fa il suo compito insieme a Bordignon, ma dall’altra parte l’attacco dell’Ardita si regge ovviamente su Marko Marcetic, assolutamente inappuntabile nonché micidiale con i suoi 31 punti a referto.

Tre punti da recuperare dopo dieci minuti, -6 al ventesimo, ma l’Ardita c’è: i vari Buso, De Caro, Bressan e Cipolla rispondono presente alla chiamata e non hanno troppi timori reverenziali contro i veneti che però, nel terzo periodo, riescono ad effettuare un primo reale “strappo”. La squadra ospite, infatti, si porta a +13 dopo l’intervallo e riesce ad andare al terzo riposo sul punteggio di 40-51: quando qualcuno pensa che la bella favola dei giovani goriziani sia già finita, ecco che l’inerzia viene sovvertita. I giovani di Busolini non si arrendono, Bassano ha un momento di calo e arriva un break di 23-8 che riporta clamorosamente Gorizia con la testa avanti; il finale è tutto da raccontare perché, sul 64-64, Marcetic riesce a realizzare il canestro del +2 a soli due secondi dalla fine.

Si profila una vittoria clamorosa che, però, si trasforma in beffa in un attimo: Maiello riceve e, da metà campo, prova una preghiera che si infila nel cesto goriziano. E’ la tripla decisiva: Bassano vince 66-67, una vera doccia fredda per la compagine goriziana, che si è difesa egregiamente ed ha mostrato ai propri tifosi una faccia “guerriera” ed una truppa di ragazzini senza timore. Nonostante la sconfitta, grandi applausi all’uscita dal PalaUGG per la compagine di Busolini, che ha perso con onore e solamente a causa di un episodio finale.

ARDITA GORIZIA – BASSANO   66 – 67

Ardita Gorizia: Polvi 12, Marcetic 31, Cipolla 3, Bressan 6, De Caro 6, Buso 8. Non entrati: Manservisi, Hoti e Viaro. Coach Busolini.
Orange1 Basket Bassano: Salvato 2, Idiaru 4, Bortoli 2, Maiello 13, Vazzana 17, Bordignon 15, Bevilacqua 2, Kushchev 8, Meneghin, Nikolic 4; non entrato: Gallea. Coach Mattioli.

Parziali: 15-18, 26-32, 40-51
Arbitri: De Rico di Venezia e Pinna di Treviso