Sgt beffata dal Caseificio Lessinia Bolzano

Le ragazze di Chermaz sono state superate dopo il rientro dagli spogliatoi: il team bolzanino ha dimostrato grande vivacità ed agonismo.

Un momento del match fra Sgt e Bolzano.

Volendo far riferimento ad altri sport, la partita contro Bolzano poteva e doveva rappresentare per la Ginnastica Triestina un classico set-point in chiave salvezza. Invece è arrivata una sconfitta, ad ulteriore riprova di quanto sia complessa ogni partita di questo campionato.

Le bolzanine dimostrano subito grande vivacità e dopo 2’ sono avanti 6-2, con Gottardi e Maron sugli scudi. Le triestine rispondono però con sei punti di Nardella dalla lunetta, e grazie ai tiri dalla medio-lunga distanza di capitan Valeri chiudono il primo parziale in vantaggio di tre lunghezze (11-8).
Nella prima metà del secondo periodo le ragazze di coach Chermaz riescono ad allungare fino a + 9 (20-11), pur sprecando qualche canestro di troppo. A questo punto però, sentendosi forse inconsciamente la gara in pugno, le biancocelesti si rilassano, permettendo a Bolzano di risalire. Pezzi e ancora Gottardi, con una tripla a fil di sirena, portano le ospiti all’intervallo ad un solo punto di scarto dalle triestine.

Nel terzo quarto le avversarie ripartono da dove lasciato e, approfittando del buon momento realizzativo, si portano avanti nel tabellone. Le biancocelesti tengono, rimettendo la testa avanti con Gelleti, ma un’altra tripla allo scadere, questa volta di Consorti, carica ulteriormente le bolzanine, portandole sul +6 alla fine del periodo (34-40). Nell’ultimo quarto le triestine provano a cambiare l’inerzia della partita ma, pur alzando l’intensità difensiva, non riescono a dare varietà alle soluzioni offensive. Bolzano tiene quindi bene il vantaggio e, grazie anche a qualche realizzazione fortunosa, negli ultimi 2’ di gioco scappa nel punteggio, chiudendo il match sul risultato 51-61 e portando a casa due punti fondamentali.

Pur facendo i complimenti a Bolzano, quella di sabato è una sconfitta che brucia in casa biancoceleste e che deve far pensare agli errori commessi. Nel proprio momento migliore, le triestine hanno infatti permesso alle ospiti di recuperare punti, fiducia ed entusiasmo, condizionando di fatto una gara che, se gestita diversamente, avrebbe sicuramente avuto esito diverso. Una volta sotto nel punteggio, la smania di voler recuperare l’ha poi fatta da padrona, portando a scelte offensive discutibili che non potevano che riflettersi in un abbassamento della percentuale realizzativa.

Nella speranza che sia una sconfitta propedeutica, ora inizia un bel tour de force per le biancocelesti: sabato 13/02 l’ostica trasferta di Sarcedo precederà i due derby contro Interclub Muggia e OMA. Maggior senso di responsabilità e abnegazione diventano quindi qualità indispensabili per affrontare il proseguo della stagione.

SGT PIEMME ASCENS-TRIESTINA 51
CASEIFICIO LESSINIA BOLZANO 61
(Parziali: 11-8; 23-22; 34-40)

SGT PIEMME ASCENS-TRIESTINA: Gelleti 4, Valeri 16, Ritossa 2, Città, Vesnaver 3, Albano 2, Samez 13, Nardella 11, Cravagna ne, Meula ne, Puzzer ne, Zacchigna ne. All.re: Chermaz.
CASEIFICIO LESSINIA BOLZANO: Pezzi 11, Gottardi 19, Ognibene 5, Moretti 7, Testini, Consorti 10, Somma, Hafne D. 7, Maron 2, Hafner M., Pannetta. All.re: Pezzi

Arbitri: Sagues M. (TS), Schiano Di Zenise M. (TS)

Riccardo Richter