Andrea Paderni: “Ubc Udine, contro il Bor sarà una battaglia”

La squadra friulana sarà ancora priva di capitan Vischi; dall'altra parte, i triestini rinunceranno sicuramente a Marusic e Daneu, ancora infortunati.

Ubc Udine, penultimo impegno: il campionato sta per volgere al termine per la compagine di Andrea Paderni, al pari di tutte le altre squadre di Serie C Silver. In questo weekend, Cianciotta e compagni andranno a scontrarsi con il Bor Radenska Trieste, formazione che rappresenta la comunità slovena e sta lottando per agganciare gli ultimi posti utili per i playoff.

Il coach dei friulani fa la sua personale disamina in vista dell’incontro: “Il Bor non ha ancora la matematica certezza di fare i play off e quindi ci attende un avversario fortemente motivato. Anche noi ci giochiamo molto visto che con due punti saremmo certi del quarto posto con una giornata d’anticipo.

Sinceramente credo che entrare nella post season da quarti quinti o sesti cambi molto poco, in ogni caso incontreremo una squadra forte, resta ovviamente il discorso del fattore campo ma non lo vedo così decisivo. In realtà per noi il quarto posto sarebbe più che altro motivo di grande soddisfazione a livello di gruppo.

Sappiamo perfettamente da dove siamo partiti e quali fossero le aspettative su di noi, esserci guadagnati sul campo il rispetto di tutti e poter raggiungere il quarto posto addirittura con un turno di anticipo ci riempie di orgoglio ed è un grande stimolo a giocare con il cuore anche questo sabato.
Sicuramente il Bor non ci regalerà nulla, è una squadra con ottimi valori tecnici e caratteriali, che ha avuto due infortuni pesantissimi (Marchesan e Marusic) che ne hanno complicato la stagione ma che ha reagito alle difficoltà ed in questo momento è settima in classifica.

Sportivamente sarà battaglia, dobbiamo essere pronti soprattutto a livello mentale, si tratta di una partita da play off dove entrambi giocano per un obbiettivo immediato.
Saremo ancora privi di Capitan Vischi e con qualche altro acciaccato che però stringerà i denti per scendere in campo”.