Omar Thomas ritorna in Italia: arriva la firma con Cremona

L'americano, reduce da una stagione in Russia a San Pietroburgo, ha firmato con la Vanoli e sarà un punto di riferimento per il club lombardo.

Un vero e proprio colpaccio, per la Vanoli Cremona: la società lombarda, infatti, è riuscita ad assicurarsi i servigi di Omar Thomas per la stagione 2016/2017.

Il veterano statunitense, nato nel 1982 a Filadelfia, è una vecchia conoscenza della pallacanestro italiana, nella quale ha lasciato più di qualche traccia: uscito dall’università di Texas El Paso nel 2005, Thomas ha esordito nelle Filippine e nella Repubblica Dominicana, passando poi per l’NBDL prima di avere la sua vera prima chance europea nel 2005/2006 con Rimini.

Dopo aver conquistato i palcoscenici della seconda serie italiana, l’avventura in Francia con il Pau Orthez ed il consolidamento in Italia, con tappe a Rieti, Brindisi ed Avellino, oltre a Sassari e Ferentino.

Non solo “stivale” per Thomas, che è stato anche in Russia a Samara e in Serbia con la Stella Rossa; Veracruz, Tbilisi e San Pietroburgo le ulteriori tappe della sua lunghissima carriera, che è stata peraltro caratterizzata anche da una querelle sul passaporto sloveno acquisito nel 2010.

Parlando più strettamente del campo, Thomas è un’ala piccola di 196 centimetri capace di fare virtualmente qualsiasi cosa sul parquet: nato come difensore puro, si è trasformato negli anni anche in un attaccante credibile, bravo a spostarsi in post basso contro i difensori meno prestanti fisicamente, ma migliorato anche al tiro da fuori, un’arma che all’inizio della carriera non era certamente così sviluppata. A Cremona, Thomas potrà vestire i panni del protagonista, utilizzando la sua capacità di essere produttivo in diverse zone del campo e giostrando in più posizioni.