Il Michelaccio San Daniele regola l’Intermek Cordenons

Dopo un primo tempo sottotono, Il Michelaccio mette le mani sul match grazie ad un concreto Dijust da 19 punti. In doppia cifra anche Bortoluzzi (16), Bellina (15) ed Ellero (13). Per l’Intermek, priva di Moro, non bastano Cipolla (20) e Marella (14).

Per poter ribaltare il pronostico che la vedeva sfavorita contro la seconda in classifica, l’Intermek avrebbe dovuto sfoderare una prova perfetta, tanto in attacco quanto soprattutto in difesa. Avrebbe dovuto, inoltre, essere al completo e poter schierare Moro, ancora out, invece, a causa della distorsione alla caviglia rimediata nel match contro il Bor.

Ed infatti, seppur abbia messo in campo un apprezzabile voglia di lottare, la squadra di coach Fantin ha dovuto soccombere contro avversari più forti e più completi, capaci di andare oltre le difficoltà incontrate nei primi 20 minuti, potendo trovare soluzioni dall’arco e nel pitturato, grazie alla versatilità di Dijust e Bellina, al prezioso Ellero e alla vena balistica di Bortoluzzi.

Il primo quarto resta in sostanziale equilibrio, alle iniziative di Cipolla e Marella rispondono Dijust e il lungo ex Tarcento, con San Daniele che chiude il parziale avanti 17-13.

Dopo il 19-13 firmato Tosoni, arriva l’ondata realizzativa dei ragazzi di Fantin grazie alle triple di Brunetta e Dalmazi, ben supportati dai canestri in area di De Nardo. Cordenons passa a condurre (28-23) prima che Colutta e Bellina ricuciano il gap che all’intervallo è di 3 lunghezze (34-31).

Pezzutti è il primo ad iscriversi a referto nel secondo tempo, Dijust firma il -3 prima che Ellero decida di mettersi in proprio, andando con energia al ferro prima contro Marella e poi contro Cauz. Cordenons resta attaccata al match con Cipolla, Pezzutti e Costanzo, mentre Il Michelaccio trova punti dall’arco grazie a Bortoluzzi e Colutta per il 44-50 al 6°. L’Intermek ha carattere e combatte su ogni pallone, come nell’occasione in cui Costanzo inchioda con una super stoppata Simonutti lanciato a canestro, giocata che carica Brunetta per la tripla del -3, cui risponde lo stesso numero 7 ospite sempre dai 6.75. Un paio di forzature di Dalmazi danno il via al +8 ospite ma è Cipolla, con 5 punti consecutivi, a fissare il 52-55 di fine terzo quarto.

L’impressione è che San Daniele possa dare la spallata al match da un momento all’altro, mentre Cordenons inizia ad accusare fatica e rotazioni limitate, oltre che a non avere pericolosità offensiva se non da Cipolla e Marella. L’equilibrio dura fino a metà periodo (60-64), Bellina e Pellarini con due triple in un amen spingono gli ospiti avanti di 11, Cipolla e Corazza cercano e trovano canestri rapidi ma Bortoluzzi e Dijust spengono ogni speranza, fissando il punteggio finale sul 70-82.

Con questa vittoria, Il Michelaccio consolida e blinda il secondo posto mentre l’Intermek è attesa da due impegnative trasferte (Servolana e Breg) prima del match interno che potrebbe valere la salvezza anticipata contro il Feletto.

 

3S CORDENONS – SAN DANIELE DEL FRIULI   70 – 82

Intermek 3S Cordenons: Castellarin, Brunetta 6, Scaramuzza 2, Cipolla 20, Dalmazi 6, Cauz, Mezzarobba, Corazza 5, Pezzutti 5, De Nardo 8, Costanzo 4, Marella 14. All. Fantin
Il Michelaccio San Daniele del Friuli: Vidoni, Pellarini 3, Colutta 3, Simonutti 6, Nicoloso, Domini, Bortoluzzi 16, Tosoni 5, Bellina 15, Cella 2, Ellero 13, DiJust 19. All. Sinone

Parziali: 13-17; 34-31; 52-55
Arbitri: De Tata e Sellan

 

 

Simone Pizzioli