Grado, altra vittoria e la piacevole sorpresa Bellan

Il giovane esterno classe 2000 si rende protagonista di una bella prestazione contro la squadra bassaiola.

Penultimo impegno casalingo della Pallacanestro Grado che affronta Gonars, una delle squadre ancora affamante di punti salvezza. Le motivazioni potrebbero fare la differenza e gli ospiti si presentano in laguna con un numeroso seguito di pubblico e vogliosi di bissare il successo dell’andata.

Nella gara di Gonars però, erano assenti i lunghi Pittia e Dreas e ben presto sembra chiaro che la musica sarà diversa. Pozzi e Schincariol fanno fatica a trovare gli stessi spazi sotto le plance ed i tiratori ospiti inizialmente hanno le polveri bagnate. Grado parte subito forte sfruttando le scorribande di Francesco Cicogna e Pittia, ma trovano soprattutto punti importanti da Matteo Bellan. Il giovane gradese classe 2000 mette subito un paio di triple ed utilizza al meglio i minuti concessi per l’assenza dell’acciaccato Crevatin, in panchina per onor di firma. I ragazzi di Caterini chiudono avanti 19-10 e non sembrano voler mollare la presa.

Le triple del solito Lugnan e la presenza sotto i tabelloni di Flaviano Dreas, consentono ai padroni di casa di allungare, anche perché Gonars continua a faticare tremendamente a vedere il canestro. Il 30-19 dell’intervallo potrebbe essere una sentenza sull’esito della gara, anche se il pubblico sugli spalti non ne vuole sapere di alzare bandiera bianca.

Al rientro in campo Francesco Cicogna continua ad inventare canestri d’autore, mentre la reazione degli ospiti si fa ancora attendere. Pittia e Dreas continuano a mettere punti a referto ed il terzo periodo termina 45-27, un divario che sembra obiettivamente incolmabile.

Il basket è però imprevedibile, perché i gialli, dopo aver segnato 27 punti in 32 munti, si inventano 6 minuti di puro furore ed ispirazione agonistica. Zanzaro (almeno un paio di bombe da distanza siderale) e Pozzi diventano infallibili dalla lunga distanza ed in un attimo il distacco si riduce a soli 3 punti sul 53-50 a due minuti dalla fine. Grado si appoggia ai suoi uomini di esperienza e prima Dreas e poi Lugnan dalla lunetta riescono a mettere al sicuro il risultato, nonostante l’arrembante e generoso forcing degli ospiti. 66-59 il finale per i mamuli, che costringono Gonars a cercare i punti salvezza nelle ultime due partite contro Kontovel e Santos.

 

GRADO – GONARS   66 – 59

Grado: Pittia 11, Cicogna 18, Lugnan 13, Pinatti 2, Bellan 8, Dreas 14, Vecchiato, Lamacchia, Crevatin NE
Gonars: Zanzaro 13, Baldo 3, Pozzi 22, Strizzolo 6, Schincariol 12, Menon 5, Spangaro, Padovani, Cominotto, Malisan, De Biasio.