Il Michelaccio San Daniele del Friuli, il roster 2017/2018

Nessuna partenza illustre ed un arrivo (Barazzutti): i collinari vogliono attentare alla scalata in serie superiore, con un gruppo compatto e di qualità.

Thomas Pellarini, capitano di San Daniele del Friuli (Foto Antonio Barzelogna).

Non cambia il proprio volto Il Michelaccio San Daniele del Friuli, che si appresta ad affrontare la stagione 2017/2018 in C Silver, dopo aver perso la finale playoff contro il Breg San Dorligo. In panchina siederà ancora Enrico Sinone che ha mantenuto intatto il nucleo dello scorso anno ed è riuscito ad aggiudicarsi Barazzutti, playmaker che fino a pochi anni fa faceva la differenza in categoria superiore. La società non nasconde le proprie ambizioni, che vanno però di pari passo con l’alacre lavoro sul settore giovanile e sulla valorizzazione dei prodotti del vivaio, anche perché quello sandanielese è un sodalizio che è sempre attentissimo a non andare fuori giri a livello finanziario. Questa volta, però, i tempi sembrano poter essere maturi per raggiungere un risultato più che importante, anche alla luce della grande qualità che c’è all’interno della squadra.

ACQUISTI: Barazzutti Riccardo (free agent)

CESSIONI: Vidoni Daniele (Gemona, Promozione), Marin Marco (Gemona, Promozione)

PROBABILE QUINTETTO: Pellarini, Bortoluzzi, Tosoni, Ellero, Bellina

OBIETTIVI: è chiaro che Il Michelaccio San Daniele avrà come traguardo chiaro il miglioramento del risultato dello scorso anno, che significa cercare di arrampicarsi in categoria superiore, dato anche il fatto che non c’è più l’ammazzacampionato di turno come il Breg. Le potenzialità ci sono tutte, l’entusiasmo dei tifosi anche e cercare il salto in C Gold è diventato un discorso più che comprensibile, dopo i risultati ottenuti nelle stagioni passate, con i collinari che si sono sempre stagliati in posizioni importanti di classifica.

PUNTI FORTI: ovviamente la forza del gruppo, che è rimasto lo stesso da anni a questa parte ma che, in ogni estate, ha aggiunto una pedina fondamentale. Se un paio di stagioni fa è arrivato Dijust, poi è stato il turno di Bellina ed ora è toccato a Barazzutti, un elemento che era fermo da un anno ma che ha grande qualità e potrà costituire il perfetto sostituto dell’idolo delle folle Pellarini, che comunque di anni ne ha pur sempre 36. Il capitano è comunque uomo del tiro decisivo e, insieme ai vari Bortoluzzi, Ellero e Tosoni, completa un pacchetto senior decisamente di altissimo livello, che peraltro può anche contare sugli specialisti Simonutti e Colutta, altri due esterni che possono costituire delle variabili offensive e tattiche importanti per lo scacchiere dei collinari.

PUNTI DEBOLI: il gruppo, come abbiamo detto sopra, è rimasto lo stesso ma tutti gli elementi chiave hanno un anno in più. Si è detto dei 36 di Pellarini, mentre Bellina ne avrà 38 e gli stessi Ellero, Dijust, Bortoluzzi e Colutta sono “over 30”: riusciranno a mantenere una condizione fisica ideale lungo tutto l’arco della stagione? La risposta passerà necessariamente attraverso rotazioni ben gestite e, soprattutto, saranno i giovani ad essere responsabilizzati per dare fiato e minuti di riposo ai senior. Cella, Nicoloso e Domini hanno già dimostrato di poter tenere il campo, ora la stagione 2017/2018 li chiamerà ad un ulteriore salto di qualità.

ROSTER: Pellarini Thomas (playmaker, 180 cm, 1981), Tosoni Luca (ala piccola, 192 cm, 1987), Dijust Jacopo (ala forte, 188 cm, 1987), Ellero Alberto (ala forte, 195 cm, 1986), Bortoluzzi Michele (guardia/play, 188 cm, 1985), Simonutti Alessandro (guardia, 193 cm, 1993), Bellina Federico (pivot, 205 cm, 1979), Colutta Leopoldo (guardia/ala, 190 cm, 1986), Nicoloso Paolo (pivot, 198 cm, 2000), Domini Filippo (guardia, 188 cm, 2000), Cella Matteo (guardia, 190 cm, 1999), Tallone Marco (ala, 194 cm, 1999), Barazzutti Riccardo (playmaker, 182 cm, 1988).