Salerno cede il passo alla Virtus Cassino

La BPC Virtus Cassino si impone nel big match del Palazzetto dello Sport di Cassino valido per la quarta giornata del girone di andata della regular season 2017-18 del girone D della Serie B nazionale, che la vedeva opposta ai campani della Virtus Salerno.

“Non era per niente una partita facile” queste le prime parole dell’MVP di serata, Enzo Cena (23 punti e 7 rimbalzi, 64 % da due e 33% da oltre l’arco dei 6.75) in sala stampa al termine dell’incontro “loro sono una gran bella squadra, guidati da un allenatore molto bravo e competente, super per la categoria. Per tanti motivi per noi era molto difficile perché venivamo da una sconfitta ed eravamo obbligati a vincere e a rialzarci dopo il passo falso meritato in casa dei romani della LUISS Roma. Ci dovevamo rialzare e lo abbiamo fatto con una bellissima partita e soprattutto con una partita che abbiamo condotto con grandissima intensità almeno per i primi due tempi e per gli ultimi cinque minuti dell’ultimo quarto”. “Devo fare i complimenti a tutti i miei compagni di squadra perché ripeto non era affatto semplice o facile. Tornando poi alla mia prestazione preferisco evitare di usare la sigla MVP. Questo acronimo non mi fa impazzire e vorrei non venisse utilizzato per la mia prestazione di stasera ma in generale” continua l’ala forte cassinate “Nessun MVP è tale senza l’aiuto dei compagni. Io sono uno che lavora sodo per ottenere risultati, questo sì. Ma io sono contento perché sono capitato quest’anno in un grande gruppo con questi compagni di squadra che erano già qui e che mi hanno permesso di ambientarmi al meglio fin dal primo allenamento di pre season. Ed è questo il successo di queste prestazioni d’inizio stagione e li devo ringraziare perché senza di loro non avrei potuto fare questo. Abbiamo lavorato molto in settimana per ridurre il numero di palle perse che la scorsa settimana erano state un enormità e ci siamo riusciti a limitare gli errori in fase di costruzione soprattutto aiutando molto il nostro play, Lorenzo Panzini. In merito al bilanciamennto delle conclusioni devo sottolineare come noi si sia in realtà una formazione con il DNA di team perimetrale ma non disdegnamo di certo di attaccare il ferro” conclude il virtussino cassinate.

Ancora una volta i cassinati con la “V” sul petto si rendono dunque protagonisti di una prestazione giocata a sprazzi. I ragazzi di coach Vettese si rendono protagonisti di un ottimo primo tempo e di una ripresa di grande sofferenza. Si deve però sottolineare come poi alla fine sia arrivata una vittoria meritata. Meritata anche perché nel momento più difficile i rossoblù cassinati hanno reagito alla grande, tornando avanti subito dopo essere andati sotto per la prima volta, volando sulle ali della prestazione, come detto di un ottimo Cena, sempre più protagonista in questo team benedettino.

Il primo e secondo quarto della gara mettono in mostra una bella BPC Virtus Cassino, determinata e lucida allo stesso tempo, che sciorina un basket moderno ed efficace e soprattutto mette in luce un approccio giusto contro la forte Virtus Salerno, una delle candidate al salto di categoria. Ottima la circolazione della palla e le spaziature sul perimetro in fase offensiva per le “V” rossoblù, con Cena in versione arma letale, sempre pronto a far valere la sua vena realizzativa. I padroni di casa volano subito oltre la doppia cifra di vantaggio. Coach Paternoster si gioca le carte Paci e Di Prampero che riportano in scia Salerno ma De Ninno e Petrucci tengono lontano gli avversari. Alla fine del primo quarto il tabellone recita 27-15.

Nel secondo periodo il leitmotiv non cambia: gran gioco offensivo per Cassino e iniziative individuali per i campani che, dopo un’altra fiammata di Petrucci, si ritrovano sul -15. Cala un po’ la qualità degli attacchi poco prima dell’intervallo ma nell’ultimo minuto Cena e Del Testa con le loro triple mettono il sigillo  sui primi venti minuti che certificano come eccezionale la prestazione  di Cassino. I cassinati vanno per la pausa lunga negli spogliatoi sul 51-33.

Nel terzo periodo la musica però è totalmente diversa. I campani partono a razzo ed i cassinati trovano un solo canestro dal campo, con un’entrata del giovane De Ninno. I ragazzi di coach Vettese però hanno il merito di preservare un buon margine grazie alla precisione in lunetta e una difesa che continua comunque a produrre buone cose. Salerno si riporta sul -8 all’ultima pausa 60 a 52. I campani riaprono totalmente i giochi in avvio di quarta frazione, assottigliando a 4 lunghezze il vantaggio rossoblù, 63 a 59.

A questo punto l’incontro s’interrompe per un blackout elettrico. La lunga pausa non influisce però sui campani della Renzullo. Gli uomini di Paternoster quando la gara ricomincia sembrano più indemoniati di prima. I cassinati sono sempre più frastornati e oggettivamente sono penalizzati dalla sosta allorquando Leggio sale in cattedra e porta clamorosamente in vantaggio i suoi, 63 a 65.

Il canestro di Leggio e l’incoraggiamento dei tifosi sono per la Virtus Cassino una frustata. La formazione padrona di casa reagisce con un break di 10-0 ancora con Cena protagonista, guadagnando il margine necessario a portare a casa il risultato.

 

BPC Virtus Cassino – Virtus Arechi Salerno 79-73

BPC Virtus Cassino: Enzo Cena 23 (7/11, 2/6), Niccolò Petrucci 15 (2/3, 3/5), Lorenzo Panzini 10 (0/3, 2/6), Maurizio Del testa 10 (1/4, 2/4), Manuel Carrizo 9 (1/2, 0/2), Biagio Sergio 7 (1/3, 1/4), Fabrizio De ninno 5 (1/2, 1/1), Giuseppe Di poce 0 (0/0, 0/0), Robert Banach 0 (0/0, 0/0), Fabio Guglielmo 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 20 / 26 – Rimbalzi: 31 5 + 26 (Enzo Cena, Manuel Carrizo, Biagio Sergio 7) – Assist: 21 (Lorenzo Panzini 6)

All. Vettese

Virtus Arechi Salerno: Di Prampero 16 (2/6, 4/10), Paci 12 (6/10, 0/0), Leggio 9 (1/2, 2/4), Babilodze 9 (3/3, 1/1), Bartolozzi 8 (2/4, 1/2), Petrazzuoli 6 (1/3, 1/1), Beatrice 6 (1/3, 1/3), Mennella 4 (2/2, 0/0), Cucco 3 (0/0, 1/5), Cucco 0 (0/0, 0/0), Datuowei 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 4 / 7 – Rimbalzi: 30 4 + 26 (Paci 11) – Assist: 16 (Cucco 5)

All. Paternoster

Parziali: 27-15, 24-18, 9-19, 19-21