Sistema Rosa Pordenone, che tonfo con Crema: meno quarantasei

Le ragazze di coach Bonivento non hanno mai avuto speranza contro una squadra più fisica ed esperta come quella lombarda.

Netta sconfitta per il Sistema Rosa Pordenone, in casa, contro Crema: il risultato finale, con un perentorio +46 per le lombarde, la dice lunga sull’andamento del match.

Esperienza e fisicità le caratteristiche della compagine di coach Maccarana, in un match che vedeva innanzitutto il duello fra le sorelle Anna e Giulia Togliani: in realtà, la partita non c’è mai stata, con Crema che ha preso un +9 di vantaggio dopo il primo periodo ed ha agevolmente controllato il match.

Zecchin, Madera e Smorto vengono limitate in maniera perfetta dalle giocatrici cremasche, con un complessivo 7/37 dal campo che grida vendetta: Crema fa la sua partita, mette in evidenza Mandelli, Nori, Benic e Permesani, le quattro atlete in doppia cifra.

A metà match siamo sul +18, ma anche la ripresa non varia per quel che riguarda l’andamento: Pordenone soffre a rimbalzo, con meno centimetri, e da qui è facile per la squadra ospite prevalere e conquistarsi secondi tiri senza troppi problemi. Il terzo periodo vede Crema infliggere un perentorio 5 – 16 al Sistema Rosa, arrivando alla sirena del trentesimo sul 31 – 60.

Uno scarto davvero pesante, che viene ulteriormente incrementato nell’ultimo quarto: Pordenone non riesce a reagire e, da qui, il meno quarantasei finale, un passivo davvero pesante che va dimenticato al più presto.

 

SISTEMA ROSA PORDENONE – CREMA   40 – 86

Sistema Rosa Pordenone: Togliani A. 12, Boccardo, Crovato 5, Galazzo, Luraschi, Smorto 6, Zecchin 11, Madera 5, Maniero 1, Stangherlin. All. Bonivento
Crema: Togliani G. 5, Moro 3, Parmesani 12, Capoferri, Nori 15, Mandelli 17, Benic 13, Caccialanza 8, Rizzi 7, Visigalli 6. All. Maccarana

Parziali: 14-23; 26-44; 31-60
Arbitri: D’Orazio di Vittorio Veneto e Giusto di Padova