Basket Oderzo: gli Under 14 al secondo posto nelle Finali Nazionali

Splendido e storico secondo posto alle finali nazionali di Cagliari per il team di Gambarotto-Zuliani-Lorenzon che ha ceduto in finale alla favorita BSL. Tommaso Bucciol inserito nel quintetto ideale.

Si dice che “la speranza è l’ultima a morire” e nello sport questo proverbio vale ancora di più: ogni partita fa storia a sé, si possono trovare motivazioni che ribaltano i pronostici, nulla è già scritto in partenza. Ma la meraviglia dello sport è anche che chi è più forte, pronto, preparato in quel momento vince. E gli avversari, i ragazzi emiliani allenati da Marco Sanguettoli – uno dei più bravi formatori giovanili italiani in assoluto – hanno meritatamente vinto. Complimenti, dunque, a Moretti e compagni per lo scudettino ma altrettanti complimenti e applausi vanno ai ragazzi opitergini che hanno perso, così dice il tabellone, ma che non escono sconfitti dal PalaPirastu. Possiamo definire tali chi, alla prima esperienza, ha dimostrato di lottare su ogni pallone? Chi ha perso soltanto la finale dopo aver superato momenti difficili e montagne che sembravano troppo alte? Certamente no. La settimana in terra sarda ha dimostrato che hanno tutte le caratteristiche per continuare a fare bene perché la sfida arriva adesso, ritornare in palestra con umiltà ad allenarsi guardando quanto ancora c’è da migliorare, con lo sguardo ad oggi e al domani e non certo a quello che è già alle spalle.

Il Basket Oderzo inizia con Pravato e Sulina in regia, Gerotto, Bucciol e Trentin. La partenza è nel segno di Pravato e in difesa i veneti riescono in avvio a mettere in difficoltà BSL, si gioca con grande tensione tanto che il pareggio arriva dopo 3 minuti di gioco. Pur fisicamente inferiori, Oderzo nasconde il gap sotto canestro grazie ai tagliafuori difensivi e agli aiuti dal lato debole e anche la fase offensiva funziona grazie alle triple di Sulina e Bucciol. L’avvio è decisamente positivo, Oderzo gioca di squadra sapendo che gli emiliani reagiranno. Così è, i ragazzi di Sanguettoli riprendono le misure del match e noi commettiamo l’errore di percorrere la via più facile e insieme sbagliata, con giocate individuali che non producono punti. Moretti e Tamburino trascinano i compagni nel primo quarto che si chiude sul 15-10 per BSL.

Gli opitergini soffrono tantissimo i micidiali 1c1 degli avversari, immarcabili anche quando sfruttano la superiorità in post basso. San Lazzaro scappa e lo scarto comincia a diventare importante (37-24 a fine primo tempo). La pausa non cambia le cose, per Oderzo continuano ad essere ancora tante le forzature e le letture sbagliate. E’ un chiaro segnale che iniziano a mancare lucidità mentale ed energia fisica.

Nell’ultimo periodo, i veneti provano il tutto per tutto, recuperano diversi palloni riducendo lo svantaggio. Una ritrovata difesa permette un break di 6-0, tanto confortante per lo spirito quanto tardivo per pensare di rimettere in piedi un match che consegna alla BSL, meritatamente, il gradino più alto del podio. Come detto prima, merito ai ragazzi di San Lazzaro che hanno saputo mantenere il ruolo di favoriti e ai ragazzi di Matteo Gambarotto, Nicola Zuliani e Paolo Lorenzon per essere andati oltre le più rosee aspettative.

PREMIO INDIVIDUALE

Soddisfazione anche per Tommaso Bucciol, inserito nel quintetto ideale scelto dagli allenatori, insieme a Edoardo Tamborino (BSL), Stefano Eli (Cantù), Niccolò Moretti (BSL) e Kaspar Kuusmaa (Stella Azzurra Roma).


ODERZO BASKET – BASKET SAN LAZZARO 51-69

Oderzo: Sulina 13, Pravato 8, Bucciol 6, Ongaro T. 16, Gerotto 4, Ongaro F., Bragato, Momesso, Tadiotto 2, Lucero, Artuso 2, Trentin. All. Gambarotto
BSL: Scheda 4, Tobia 8, Sibani 8, Parenti 2, Moretti 22, Landi M., Scapinelli, Landi J. 9, Pezzano, Vanti, Torreggiani 4, Tamborino 12. All. Sanguettoli

Parziali: 10-15; 28-42; 33-52
Arbitri: Romeo e Sinico