Trieste decisa a non far volare le aquile trentine

Assenti Walker e forse Wright per Trieste, ospiti senza Hogue

Jamarr Sanders oggi al rientro (foto Antonio Barzelogna)

Settima giornata del massimo campionato nazionale che si apre con la sfida dell’Allianz Dome tra i padroni di casa dell’Alma Pallacanestro Trieste (2-4) e la Dolomiti Energia Aquila Basket Trento (1-5), rispettivamente tredicesima e quindicesima nella graduatoria dopo sei giornate. Gli ospiti domenica scorsa sono riusciti a toglere lo zero in classifica spuntandola a fatica su Brescia, vincendo anche in EuroCup contro l’ASVEL con un Craft nuovamente al centro del gioco e si trovano quindi, nonostante l’infortunio di Dustin Hogue, in un buon momento dal punto di vista del morale. Trieste sorride vedendo la sua infermeria progressivamente svuotarsi, accogliendo oggi Janelidze e Sanders, ma soprattutto Da Ros – al quale forse verrà concesso qualche minuto -, dovendo però ancora rinunciare a Walker e con Wright in dubbio fino all’ultimo. Sfida interessante, soprattutto perchè Trieste vuole e deve rendere casa propria quel fortino inespugnabile risultato decisivo nella serie cadetta, ma che sicuramente può essere importante anche nella massima serie.

Gli ospiti non hanno mai vinto in trasferta, realizzando complessivamente 468 punti (78 di media) e subendone 553 (mediamente 92,2), valori che corrispondono al terzultimo attacco ed alla seconda peggior difesa, con la penultima valutazione media (74,5). Nelle realizzazioni la Dolomiti Energia è ultima da due punti (44,7%), ottava assieme a Reggio Emilia da tre punti (35,5%) e seconda dalla lunetta (77%). Gli 11,3 rimbalzi offensivi, i 23 rimbalzi difensivi e i 34,8 totali valgono rispettivamente il quarto (assieme a Varese), l’ultimo e l’undicesimo posto in campionato. Ultima con una sola stoppata di media a partita e settima squadra a perdere più palloni (13,3), Trento condivide con Trieste l’ottava piazza nei recuperi (6,5) ed è sesta negli assist (16,7).

Trieste in casa ha perso solamente all’esordio contro Bologna e in graduatoria ha il nono attacco (491 punti segnati con 81,8 di media) e la quinta difesa (524 punti subiti, mediamente 87,3), con la quartultima valutazione media (80,3). L’Alma è decima nelle realizzazioni da due punti (49,8%), sesta da dietro l’arco (36,5%) e nona dalla linea della carità (73,5%), risultando inoltre ottava per rimbalzi offensivi (10,2), decima per quelli difensivi (25,8) e complessivamente nona assieme a Brindisi (36 rimbalzi totali di media). Le 2,7 stoppate permettono a Trieste di condividere il quinto posto del torneo con Cremona, mentre le 15,8 palle perse sono il valore più alto. Ottava con Trento per recuperi, Coronica e compagni sono infine undicesimi per assist distribuiti (15,7).

Le statistiche individuali dell’Aquila Basket premiano in particolare Joao Gomes: 10° dall’arco (52,2%), 13° per rimbalzi difensivi (4,8), 18° per rimbalzi totali (6) e 19° per valutazione (15,8). Diego Flaccadori è leader dalla lunetta (100%) e 11° per recuperi (1,5). Ci sono poi Toto Forray quarto dalla lunetta (90,5%), Nikola Radicevic 9° per assist (4,3), Marble Devyn 22° per recuperi (1,2) ed infine Andrea Mezzanotte 23° per stoppate (0,5). Flaccadori con 77 punti e Forray con 57 hanno realizzato il 28,6% dei punti di squadra.

Per Trieste in particolare c’è Hrvoje Peric quinto per palle recuperate (1,8), 8° per rimbalzi difensivi (5,2), 18° per valutazione (16), per produzione offensiva (14,8), per rimbalzi totali (6) e per realizzazioni complessive dal campo (48,9%). William Mosley è secondo da due punti (71,9%) e per stoppate (1,5), quinto per rimbalzi offensivi (3,3) e 12° per rimbalzi totali (7). Chris Wright è terzo per assist (5,8) e 11° dalla lunetta (83,3%), Arturs Strautins è 11° dalla lunetta (83,3%), 18° per rimbalzi difensivi (4,7). Ci sono infine Justin Knox 17° per rimbalzi offensivi (2), Juan Manuel Fernandez 20° per assist (3,2) e Jamarr Sanders 22° per recuperi (1,2). Top scorer per l’Alma sono Strautins (83) e Peric (59) che contribuiscono all’attacco per il 28,9%.

Tiri, assist e rimbalzi dei tre migliori giocatori di ciascuna formazione:

% 2 PUNTI

TRENTO – Gomes 62, Radicevic 58, Flaccadori 46

TRIESTE – Mosley 72, Peric e Strautins 53

% 3 PUNTI

TRENTO – Gomes 52, Marble 33, Flaccadori e Forray 31

TRIESTE – Wright 50, Fernandez, Silins e Strautins 40

% TIRI LIBERI

TRENTO – Flaccadori 100, Forray 91, Gomes 80

TRIESTE – Cavaliero 85, Peric 83, Strautins e Wright 81

RIMBALZI

TRENTO – Jovanovic 26, Flaccadori 25, Gomes 24, Marble 22

TRIESTE – Mosley 42, Strautins 34, Peric 24, Sanders 21

ASSIST

TRENTO – Radicevic 26, Forray 17, Flaccadori 16

TRIESTE – Wright 23, Fernandez 19, Cavaliero 12, Peric e Sanders 11

 

© Riproduzione riservata

Marco Torbianelli