Pontoni Falconstar, con Arzignano l’occasione per riprendere fiato

Il tecnico Tomasi chiede minuti di qualità agli under e, per questo, oltre a Cestaro e Cossaro porterà anche Soncin in panchina.

Uscendo da una serie di impegni che hanno richiesto un grande dispendio di energie fisiche e mentali, per la concentrazione di scontri diretti uno dietro l’altro presentata dal calendario, la partita in casa dell’ultima in classifica sembra l’ideale per riprendere fiato per la Pontoni Falconstar, attesa domenica alle 18.30 al PalaTezze di Arzignano da un Garcia Moreno che deve ancora provare la gioia della prima vittoria stagionale. Certo non vogliono essere capitan Bonetta e compagni a volerla concedere e questo è un primo motivo per presentarsi con il consueto piglio combattivo in provincia di Vicenza. La settimana di allenamenti, passata in tutta normalità e senza particolari cadute di intensità, lascia prevedere che sarà così, e se non bastasse c’è anche il monito di coach Tomasi a tenere sull’attenti la truppa.

“Ci sono diversi fattori che possono complicare la partita se non la affronteremo con la dovuta concentrazione, non ultima la lunghezza del viaggio – spiega il tecnico biancorosso – abbiamo comunque l’esperienza per sapere che tutte le gare vanno giocate e nessuno ti regala niente. In questo caso la classifica parla chiaro (così come il risultato dell’andata, +61 per la Pontoni, ndr), la gara può diventare semplice, ma tutto dipenderà dal nostro atteggiamento. Questo è l’unico punto sul quale ho vermente insistito in settimana”.

Kavgic, alle prese con una bronchite e in attesa di diventare papà in questi giorni, è rimasto a casa tutta la settimana, tornerà quindi nelle rotazioni Rorato. Coach Tomasi ha convocato per la trasferta in terra veneta tre under, uno in più del solito, aggiungendo ai consueti Cossaro e Cestaro anche Soncin, che si è allenato per tutta la settimana con la prima squadra e che, spiega il coach, “merita la convocazione per l’impegno che ci sta mettendo nel sostenere costantemente il doppio allenamento, prima squadra e Under 18”.

Un giovane in più a referto svela l’intenzione di togliere minuti ai titolari per farli riposare, e concederli a chi ha giocato meno, anche se il tecnico lancia un’avvertenza. “Non fa parte della nostra filosofia regalare minuti a nessuno, tutto dipenderà dal rendimento dei singoli – conclude coach Tomasi – e un buon contributo è quello che mi aspetto dai giovani. Sono convinto che ce lo daranno perchè in allenamento tutti ci danno qualcosa di buono, under compresi. Se così sarà, se avremo risposte positive, l’idea è quella di spalmare i minutaggi, coinvolgendo tutti”.