San Vito Trieste, importante affermazione in trasferta

Importante vittoria in trasferta per il San Vito Trieste che, con una prova gagliarda, sconfigge la Metamorfosi Gradisca per 68 a 58. Continuano dunque i progressi della squadra di coach Morelli, che dà seguito alla bella vittoria della settimana precedente sul B4T.

Solito inizio pigro per i gialloblu che devono fare i conti con l’esperienza della squadra di casa che, seppur priva di Marras, può contare in questo senso su Canciani e Vuolo. Primo quarto chiuso con Gradisca avanti di otto punti (18-10), grazie soprattutto alla verve di Crevatin, ed il San Vito che utilizza nella maggior parte dei casi quale terminale offensivo il solo Coretti.

Seconda frazione con più equilibrio; la squadra di Miani non riesce a distanziare il San Vito, che riesce da parte sua a stare in partita grazie ad una fase difensiva molto attenta. Squadre al riposo lungo molto vicine nel punteggio (31-26).

Coach Morelli chiede a Colmani di sfruttare al massimo i suoi chili e centimetri, ed il lungo di scuola goriziana risponde, disputando dieci minuti di ottima fattura, dei quali beneficiano anche i soliti Suzzi e Viller pronti a sfruttare la possibilità di avere tiri puliti.

Si rivede finalmente anche capitan De Petris, solito combattente che però si fa prendere da un attimo di nervosismo, beccandosi un tecnico in un momento importante del match.

La partita cambia così la sua storia che premia, lentamente ma inesorabilmente, gli sforzi dei giuliani. Dopo aver impattato il punteggio (47-47) alla fine del terzo quarto, Ruzzier e compagni sembrano padroni del parquet. Gradisca, che è gravata di falli, fatica a sostenere il ritmo avversario. Moscolin, al rientro dopo l’infortunio, piazza un paio di pregevoli arresto-tiro mentre Coretti, sempre più integrato nei meccanismi di squadra, imperversa ai margini del pitturato guidando anche i più giovani (Prato,Schwagel, Valenti e Parentin) che danno il loro contributo soprattutto in fase difensiva

Referto rosa che alla fine prende la via di Trieste con la speranza, per il San Vito, di dare continuità a prestazione e risultato già a partire da sabato prossimo quando, sul parquet del Palacalvola, si presenterà la Goriziana dell’eterno Laezza. Per Gradisca invece trasferta insidiosa sul parquet di Monfalcone.

Metamorfosi Gradisca – San Vito Trieste 58 – 68 (18-10, 31-26, 47-47)

Gradisca: Galopin, Sandrino 7, Vesco, Pinatti 7, Crevatin 19, Gazzetta, Marcuzzi 5, Vuolo 11, Blasco 6, Canciani 3. All. Miani

San Vito: Valenti, Viller 10, Schwagel 3, Ruzzier 1, Coretti 17, Parentin, De Petris 7, Prato, Colmani 11, Moscolin 6, Suzzi 11, Delise 2 All. Morelli