Spettacolo e emozioni per i 4.000 della BLM Group Arena

Alessandro Gentile

I bianconeri rimontano dal meno 19 fino a passare in vantaggio ma, nell’ultimo quarto, si schiantano contro lo smisurato talento di Teodosic, nonostante le prodezze di Blackmon e Gentile. Mercoledì la prima di Top 16 in 7DAYS EuroCup contro il Darussafaka.

Trento– La Dolomiti Energia Trentino cede contro la capolista Segafredo Virtus Bologna, dopo una partita divertente e vibrante per 40’: dopo essere scivolati a meno 19, in chiusura di secondo quarto, i bianconeri giocano un eccellente terzo quarto e, con il coltello fra i denti, trascinano la corazzata bolognese ad un emozionante finale punto a punto in cui una BLM Group Arena, da tutto esaurito, si gode il duello a distanza fra uno straordinario Milos Teodosic (30 punti con 5 su 12 da tre, 16 nell’ultimo quarto) e Alessandro Gentile, che con i suoi 22 punti (8-20 dal campo, 4-6 da tre, otto rimbalzi) tiene a contatto i padroni di casa fino all’ultimo istante.

Nella rimonta dei bianconeri determinanti anche i 13 punti di James Blackmon, arrivati tutti nel terzo quarto (4-7 da tre in serata) e i 12 punti con quattro rimbalzi e due stoppate di un positivo Rashard Kelly. Nove punti e sette assist per Aaron Craft.

Un antipasto della doppia sfida che vedrà protagoniste Trento e Bologna nel gruppo E di Top 16 di 7DAYS EuroCup che vedrà la Virtus tornare alla BLM Group Arena martedì 21 gennaio (mini abbonamenti Top 16 già in vendita online a all’Aquila Basket Store).

Rashard Kelly ( Foto Danele Montigiani)

Il momento chiave

I bianconeri nel secondo tempo devono rimontare, perché Bologna scappa via con un parziale di 2-16 a cavallo tra la fine del primo e l’inizio del secondo periodo.

Il numero

12 – Le triple realizzate da Trento, per la prima volta in stagione capace di mettere in fila due partite consecutive con almeno 10 triple a bersaglio.

Parola al coach

«Ho fatto i complimenti ai ragazzi per il tipo di prestazione che abbiamo provato a fare: all’inizio forse eravamo un po’ timorosi, perché conosciamo il grande valore di Bologna, poi però nel secondo tempo abbiamo giocato con la mente più sgombra e questo ci ha aiutato a far meglio. Dopo due vittorie di fila è arrivata questa sconfitta, che però contiene tante indicazioni e tanti aspetti positivi: c’è da lavorare e da sistemare qualcosa, dobbiamo essere più solidi quando abbiamo dei passaggi a vuoto in attacco; ma con la giusta mentalità, quella che oggi abbiamo messo in campo per tanti minuti, sono sicuro che possiamo toglierci tante soddisfazioni».

Uff. Stampa Dolomiti Energia Trentino