Acciaierie Valbruna Bolzano, continua la corsa al vertice

Con un ultimo quarto fantastico spegne un Abano Terme in grande serata.

I latini dicevano “ guai ai vinti”. Più corretto, dopo la vittoria delle Sisters  contro il Thermal Abano, citare un’altra frase, “ onore ai vinti” che maggiormente si adatta a quanto visto sul campo. La partita, importante per entrambe le squadre, punti salvezza cercati con ansia dalle venete, punti playoff bramati dalle bolzanine, si è svolta in campo neutro stante l’indisponibilita’ del parquet di Abano, destinato ad altra manifestazione. Albignasego quindi la sede scelta, un bel palazzetto che nel corso della serata si è riempito di un pubblico animato e competente. Tutte le Atlete presenti all’appuntamento e palla a due iniziale con  pallone fermo per terra prima per 8 secondi, poi per 24 nel ricordare i due numeri di maglia di Kobe Bryant, campione molto legato al nostro Paese e perito in tragico incidente aereo.

Dopo la commemorazione via alle ostilità con Bolzano che conduce le danze e Abano che insegue con determinazione. Il vantaggio delle biancorosse altoatesine  nel primo quarto tocca anche 8 punti, ma un paio di  ottime conclusioni delle padrone di casa accorciano  il bottino del  primo parziale. (15 a 20). Si prosegue ad alti livelli con incursioni veloci a centro area per Abano, replicate in maniera speculare da ottimi canestri sotto misura di Fabbricini. L’impressione è che da un momento all’altro Bolzano scappi nel punteggio, ma una certa leggerezza difensiva, unita alle ottime percentuali delle ragazze Thermal, non consentono distacchi rilevanti. Anzi, Abano a fine secondo quarto si produce in una veemente rimonta che per la prima volta consente di rovesciare il punteggio. Al riposo di mezza gara  si va con un leggerissimo vantaggio casalingo ( 36 a 35) e con coach Pezzi indispettito dalla scarsa attitudine difensiva della squadra.

L’intervallo non porta sostanziali modifiche al trend della gara, con Abano in palla, motivata e precisa contro ogni cambio di assetto difensivo proposto da coach Pezzi, e con Bolzano in affanno nel fermare le veloci ed incisive penetrazioni a centro area delle padrone di casa. Lo svantaggio si fa’ preoccupante, le trame di Bolzano sono bloccate dalla consapevolezza di avere di fronte una avversaria in grande serata. Ma molte volte i semi della vittoria si nascondono nei momenti di difficoltà. Le Sisters cambiano modo di difendere, mettendo grinta e determinazione, effettuando cambi sistematici e non consentendo entrate alle avversarie.

L’ultimo quarto è una grande, inarrestabile rimonta, da – 11 ad uno straordinario + 15 finale. I Canestri di Mossong, Gottardi e di  una risolutiva Kerin premiano la forza di volontà e la saldezza di intenti dimostrata nei momenti più difficili del match. Altre squadre, forse, avrebbero alzato bandiera bianca sotto le precise bordate di Abano, squadra propensa a vestire i panni di ammazzagrandi. Ma le Sisters non hanno deposto le armi, hanno stretto i denti, hanno prima ridotto lo svantaggio con umiltà, poi sono passate a condurre ed alla fine non si sono lasciate sfuggire l’importante vittoria esterna.

Il punteggio finale castiga in maniera eccessiva Abano, che ha condotto per più di 30 minuti una partita pressoché perfetta, distonica rispetto alla posizione in classifica,  alla luce dei fatti ingiusta ed immeritata.

Per Acciaierie Valbruna due punti di grande peso specifico, conquistati su un campo e contro una squadra che darà dispiaceri a molti.

Federica Destro e Biondi le protagoniste di una ottima gara per Abano. La regista Gottardi, Francesca Fabbricini sotto canestro e Nadia Mossong, MVP incontrastata della gara con 28 punti  e 19 rimbalzi per Bolzano.

Thermal Abano vs Acciaierie Valbruna Bolzano 62 77 (15-20, 36-35, 53-52)

 Arbitri: Sandu e Tran

ACCIAIERIE VALBRUNA BOLZANO: Castellaneta, Luppi,  Mossong 28, Gottardi 15, Rossi, Giangrasso 4, Fabbricini 12, Kerin 7, Assentato 7, Hafner Dani 4 all. Pezzi

THERMAL ABANO :  Secchino 2, Ermito 8, Destro Federica 14, Masiero 5, Cusin 5, Biondi 15, D’Erchia 2, Santinello 2, Coppo 2, Destro Martina 3, Morpurgo 4 all. Franceschi

Coach Pezzi: “ Sapevamo che la partita odierna sarebbe stata difficile. Dopo un brillante inizio, nel quale avevamo la possibilità di prendere un vantaggio importante, non abbiamo difeso in maniera corretta, lasciando troppe penetrazioni e tiri semplici alle avversarie. Nel terzo quarto, dopo essere stati raggiunti e superati nel punteggio, abbiamo stretto le fila della difesa e con una rimonta eccezionale abbiamo superato il momento difficile. Il finale di gara ha premiato la nostra condizione fisica ed anche lo spirito che anima la squadra. Abano era in uno stato di esaltazione tecnica, quasi increduli nel poter battere la capolista e motivati nella ricerca di importanti punti salvezza. La nostra volontà è stata determinante per superare il momento difficile e per cogliere un ulteriore, apprezzatissimo successo. Complimenti alla mia Nadia Mossong, indiscussa MVP della gara.”

Coach Franceschi: “ Per oltre 30 minuti siamo stati quasi perfetti, aggressivi e precisi al tiro. Quando la mia squadra è passata in vantaggio, non nascondo che abbiamo fatto più di un pensiero ad una vittoria che potevamo cogliere. Poi due falli tecnici per proteste hanno rotto il nostro “magic moment”, ci siamo innervositi e Bolzano ha rosicchiato il nostro vantaggio, poi ci ha raggiunto ed infine ha messo la freccia. Forse dovevamo mantenere maggior controllo, invece di contestare la direzione arbitrale.Comunque la nostra prestazione mi spiega che la squadra è viva e pronta a lottare per una salvezza che, anche alla luce della prestazione odierna, è assolutamente raggiungibile.”

Per Bolzano prossimo impegno ancora in trasferta, in casa di Futurosa Trieste, seconda della classe e  dichiarata in grande forma. Serviranno le  Sisters dell’ultimo quarto per conquistare la vittoria.

Ufficio Stampa Pallacanestro Bolzano A.S.D.