A Pieris la Barcolana dilapida un vantaggio concreto

PIERIS – A 8′ e 05” dall’ultima sirena Percorso Sicurezza perdeva banalmente l’ennesimo pallone, sul tabellone si leggeva 59 Barcolana e 43 per il Pieris (+16), dalla panchina l’allenatore Inglese, visto lo scoramento dei giocatori, urlava “la partita non è finita, non è ancora persa”, non lo si saprà mai se questo incitamento è stato la scintilla che ha fatto scattare nella testa dei giocatori di casa la grinta e la voglia di giocare che nei primi tre periodi di gioco non si era ancora manifestata.

Ne è nata una vera e propria bagarre dove tutti gli schemi sono saltati, i ragazzi della Barcolana, fino a quel momento perfetti in campo, sono andati decisamente in confusione, hanno perso palloni su palloni permettono al Pieris di iniziare una rimonta clamorosa.

I giocatori di Pieris hanno iniziato a servire puntualmente Dreas sotto canestro che se non riusciva a realizzare subiva fallo e dalla lunetta è stato quasi implacabile, mentre i verdi della Barcolana hanno difettato di sangue freddo e proprio nel momento cruciale della gara, all’ultimo minuto, sbagliando quattro liberi consecutivi hanno permesso agli isontini di acciuffare il pareggio.

Gli ultimi secondi di gara sono palpitanti, a 24” dalla fine, il neo arrivato per il Percorso Sicurezza, Giulio Zorzet, dall’angolo mette in cesto i punti del sorpasso. Dopo il minuto di sospensione chiesto da Fabbri, la Barcolana ha in mano il pallone del pareggio ma anche della vittoria visto le buone percentuali dall’arco dei 6,75, Andrea Fabbro a 7” dal termine subisce fallo e va in lunetta sbaglia il primo libero e mette a canestro il secondo. Nella susseguente rimessa Bean subisce fallo ed è implacabile nell’esecuzione dei liberi. Infruttuosa l’ultima azione della squadra triestina, finisce con la clamorosa vittoria del Pieris.

La Barcolana nelle prime battute aveva fatto vedere un bel gioco, con varie soluzioni al tiro che le hanno permesso di guidare con molto autorevolezza l’incontro, arrivando nel terzo quarto anche in avanti di 18 punti, 52 a 34, sembrava tutto facile, anche la difesa era molto incisiva catturando molti palloni, dall’altra sponda il Pieris sentiva moltissimo questo incontro, basti pensare che i primi due punti li ha realizzati dopo esattamente 5 minuti dal salto a due, certamente più della tecnica è stato l’orgoglio e la voglia di vincere a far sì che una giornata storta si tramutasse in una giornata da ricordare.

Per l’ennesima volta da segnalare che è stato designano un arbitro solo per dirigere una gara di “cartello”, nella tribuna da ambo le tifoserie lo si è fatto notare (pare che in tutte le altre gare della promozione girone GO/TS ci sia stato il doppio arbitraggio, anche dove si affrontavano le ultime due della classifica), ci si è lamentato tantissimo viste le varie situazioni che si son venute a creare, un vero peccato dover segnalare per l’ennesima volta questa disfunzione, oltretutto è stata una gara importante, che metteva in palio punti pesanti per la creazione della griglia dei play-off.

Percorso Sicurezza cs Barcolana 67 – 64 (11-13, 26-35, 40-52)

Percorso Sicurezza: Dreas 16, Vecchiet 23, Quintabà 2, Verbi ne, Zorzet 8, Carotenuto 1, Bean 2, Boscarol 1, Fulizio ne, Deiuri 8, Maddalena 4, Pasqualini 2. All. Inglese.

Barcolana: Fabbro 17, Bogliandi 14, Padoan , Fabbri ne, Gallo , Sattler 2, Padovani 12, Bianchi, Verginella 1, Antonello 4, Rudl 2, Bellanova 10. All. Fabbri.

Arbitro: Sabadin

Livio Nonis