Campionati rinviati al 29 novembre, ma noi…non disperiamo

E dunque… tutto rinviato al 29 novembre: le ultime decisioni della FIP hanno posticipato ulteriormente l’inizio dei campionati dilettantistici, regionali, giovanili… insomma un po’ tutto il mondo della pallacanestro.

Non bastavano gli allenamenti “senza contatto” del minibasket, ora bisogna attendere ancora per iniziare con le partite ufficiali. I più si lamenteranno, altri saranno in ambasce, ma questo 2020 più “anno orribile” di così non poteva essere e dunque bisogna prenderne atto.

Personalmente, dico che questa stagione dovrà essere “di grande disponibilità e adattamento”: disponibilità ad adottare norme che rispettino le regole imposte dal Governo per riuscire a migliorare una situazione che in queste ultime settimane è andata peggiorando; adattamento, perché il movimento della pallacanestro dovrà abituarsi per qualche tempo a rinvii, modifiche di orario e cambi in corsa.

Il nostro, però, è un popolo che fa della duttilità una caratteristica vera, specialmente il popolo delle minors: ecco perché questo pezzo vuole essere un po’ da “incoraggiamento” per tutte quelle realtà dilettantistiche che, dopo sei mesi, hanno ripreso faticosamente le attività e sono riuscite a convincere gli sponsor ad appoggiarle; o, in altri casi, hanno ripreso gli allenamenti e si sono iscritte ai vari campionati autotassandosi.

E’ dura, ma ci riprenderemo: l’importante sarà sempre tenere alta la fiammella dell’entusiasmo cestistico, pur essendo consapevoli che i colpi inferti da questo Covid19 hanno un peso pari a quello di un tiro da tre avversario allo scadere sul +3. Si va al supplementare, ma bisogna trovare delle energie residue per poter andare ancora avanti.

Pazienza, lavoro e costanza: il messaggio di MegaBasket vuole essere di incoraggiamento e serenità, per il nostro “popolo delle serie minori”.