Dolce risveglio per la Falconstar, sarà serie B anche l’anno prossimo

Foto Dario Cechet

Il giorno dopo è dolce per la Pontoni Falconstar, che ora può godersi le meritate vacanze dopo essersi assicurata la cosiddetta “zona spiaggia” grazie al successo in rimonta sulla Ristopro Fabriano: i biancorossi giocheranno in serie B anche nella prossima stagione. I marchigiani non avevano niente da chiedere all’incontro, ma è stata partita vera e questo rende ancora più orgogliosi del successo capitan Bonetta e compagni, che nel corso della stagione hanno saputo cogliere vittorie di prestigio anche contro le grandi del torneo.

Solo nell’ultimo quarto la Ristopro ha mollato ma più per effetto dei tanti impegni ravvicinati degli ultimi giorni, con un surplus di stanchezza, che non per un calo di motivazioni. La Falconstar si è conquistata la vittoria restando mentalmente in partita dopo il -16 del 10′ e già questo è un grande merito per una squadra che avrebbe potuto subire il contraccolpo dell’inizio sprint degli ospiti. Lo ha fatto giocando 30′ di grande qualità come dimostra il 14/25 dalla lunga distanza: in una partita nella quale la palla pesava il doppio è un dato stratosferico. Allo stesso tempo ha vinto sul piano dell’intensità e sulla voglia di arrivare per primi sul pallone: dai tanti tuffi sul parquet su palle vaganti agli 11 rimbalzi offensivi conquistati (fondamentali perché da alcuni di questi è sorto il break decisivo) tanti sono gli esempi di un atteggiamento esemplare.

“E’ finita nel modo migliore, e con il risultato più giusto – commenta coach Praticò siamo sempre stati fuori dalla zona play-out e sarebbe stato immeritato finirci all’ultima giornata per differenza canestri. Non è stato facile tagliare il traguardo, peraltro quello che la società si era posta a inizio stagione. La sconfitta con Civitanova poteva tagliarci le gambe, e Mestre ha cominciato a vincere una partita dietro l’altra. Certo siamo stati fortunati ad affrontare una Fabriano già appagata, ma in una stagione così, con tante incognite, oltre alla bravura ci vuole anche la fortuna, e noi abbiamo avuto entrambe le componenti”.

Trovare gli uomini copertina della gara è praticamente impossibile, mai come questa volta tutti i ragazzi biancorossi hanno portato il loro contributo, basta guardare il referto (tutti a segno i 12 convocati). Murabito, per lo show da 18 punti nel secondo quarto, una performance che ha ricucito da sola o quasi il margine della Ristopro, è stato sicuramente un uomo decisivo, ma i minuti di Candotto tra terzo e quarto quarto testimoniano quanto tutto il gruppo sia rimasto sul pezzo dalla prima gara stagionale all’ultima, e allo stesso tempo dimostrano le qualità morali di tutti i ragazzi. Candotto era rimasto fuori dai convocati nelle ultime gare, per scelta tecnica, ma nel momento decisivo si è fatto trovare pronto, con una grande difesa su Scanzi e 3 palle recuperate praticamente in serie.

“Ho trovato un gruppo straordinario e questo è merito del mio predecessore Gigi Tomasi cui bisogna dare grandi meriti – conclude il tecnico triestino – è stato lui a costruirlo e mi piace pensare di aver completato il lavoro che lui aveva iniziato già dall’anno scorso, quando la squadra aveva dimostrato di valere la categoria da neopromossa. Poi il campionato era stato interrotto, quest’anno l’abbiamo portato a termine dimostrando sul campo che la Pontoni è una solida realtà di serie B”. Il rompete le righe durerà qualche giorno, poi si inizierà già a programmare la prossima stagione perché aver evitato la post season significa anche avere un vantaggio temporale sulle concorrenti, e non va sprecato.

Pontoni Falconstar