Udine vince contro Vicenza

In casa vicentina si temeva molto questa partita dopo un mese di sosta e con il reparto lunghe privo di Milena Mioni. Invece contro un’avversaria tra le più forti del campionato, Fede Monaco e compagne hanno disputato la loro migliore partita dalla lontana vittoria di novembre a Treviso, dimostrando di essere vive e piene di orgoglio. Vicenza è sempre stata in partita e addirittura (sul 56-53 a 1′ 30″ dalla fine) ha cullato la speranza dell’aggancio e del miracolo. Ma prontamente il coach friulano Massimo Riga ha chiamato time-out e l’azione di attacco successiva è stata giocata impeccabilmente da Udine portando Molnar al canestro della sicurezza.

Era cominciata male per i colori biancorossi con un 6-0 ad opera di una scatenata Martina Mosetti, che con Lucia Missanelli risulterà per tutta la gara una spina nella difesa berica. Capitan Monaco rompe il ghiaccio con una tripla, ma poi tutto il primo quarto è dominio friulano e si chiude sul 21-9.

Col secondo set comincia la vera partita di AS Vicenza: si scatena Giselle Villarruel e Nena Chrysanthidou segna a ripetizione, mentre Vanessa Sturma alza il suo livello di gioco (alla fine sfodererà la miglior partita stagionale)  e il tempo si chiude sul 33-30.

Dopo il riposo lungo Udine spinge e ritenta la fuga, concedendo alle ospiti solo 7 punti e chiudendo il quarto a +9 (46-37) . Ma Vicenza non ci sta e nella seconda metà dell’ultimo parziale sfodera l’orgoglio dei tempi migliori. Sul 55-45 al 7′ le esterne vicentine Monaco, Sturma e Tonello recuperano palloni fondamentali e vanno a segno ripetutamente, portando il match sul filo del quasi equilibrio: 56-53 come già raccontato.

Alla fine, pur nella sconfitta, sorrisi  e ottimismo vengono dalla panchina. Fabio Ussaggi si dichiara soddisfatto della difesa che, dopo lo sbandamento iniziale, ha contenuto con molta efficacia la forza d’urto udinese. E aver pareggiato il conto sui rimbalzi (35-25) va a gran lode delle vicentine, che per qualche tratto hanno giocato anche con quattro piccole in campo.

Ora sotto con Mantova domenica prossima al Palazzetto alle ore 18.00. Ma la prova di Udine conforta e fa ben sperare. Vicenza c’è e ha dimostrato tutta la sua voglia di invertire il trend negativo degli ultimi tempi. Un’ultima nota per Vanessa Sturma, ex di lusso, che è stata profeta in casa! Al di là dell’ottima e grintosa prestazione, il suo ritorno al è stata accolto davvero in modo entusiastico, con una sportività d’altri tempi.

Foto Roberto Comuzzo

Delser LBS Udine vs AS Dil Vicenza 61-53 (21-9, 33-30, 46-37)

LBS Udine: G.Codolo ne, M.Buttazzoni ne, N.Racchi ne, V.Blasigh 5, L.Molnar 8, A.Turel 1, L.Missanelli 18, E.Lizzi 2, E.Pontoni, E.Da Pozzo (cap) 8, M.Mosetti 15, S.Ugiagbe ne. All. Massimo Riga

AS Vicenza: M.Tonello 2, A.Bellon ne, F.Monaco (cap) 11, A.Zadra ne, A.Garzotto, V.Sturma 12, G.Villarruel 15, G.Reschiglian ne, P.Chrysanthidou 13, F.Tagliapietra. All. Fabio Ussaggi

Arbitri: Gabriele Occhiuzzi di Trieste e Marco Schiano di Zenise di Trieste

Redazione MegaBasket