Sacile seppellisce l’UBC sotto una pioggia di triple

Squadre che si presentano al PalaMichieletto con umori opposti, l’UBC è reduce dallo scalpo della capolista tra le mura amiche, mentre Sacile, complice la vittoria dei Longobardi il giorno precedente, è ormai sicura di dover affrontare i playout per guadagnarsi la salvezza. Tuttavia, come spesso capita, il campo dice proprio il contrario. La Gservice scende in campo addormentata, o forse un pizzico presuntuosa; Sacile invece sfoggia già la mentalità di chi, tra un paio di settimane, è consapevole di doversi giocare l’ultima spiaggia.

Il ritmo del primo quarto è lento, i padroni di casa cercano subito un paio di allunghi, ricuciti però da un discreto Paradiso, unico a trovare il canestro con percentuali decenti. La concretezza di Fabbro e due triple di Palazzi portano l’Humus in doppia cifra di vantaggio, un break di Trevisini per l’UBC però, costringe coach Fantin a chiamare un time-out sul 31-29 per svegliare i suoi. E’ il crocevia del match, da quel momento Sacile cambia volto, il rientrante Gri e Scodeller aumentano le marce, ed un parziale inesorabile di 18-0 chiude praticamente anzitempo la partita e manda le squadre all’intervallo sul 51-32.

Nel terzo quarto la reazione ospite non si vede, l’Humus ormai in fiducia, vede il canestro come una vasca da bagno. Una grandinata di triple (15 alla fine) amplia lo scarto oltre i 30 punti, e Pignaton e compagni chiudono l’incontro in scioltezza, portando a casa i 2 punti, e la consapevolezza di potersi giocare la salvezza sul campo.

Foto Elena Barbaro

Humus vs G Service 94 – 60 (21-12, 51-32, 74-53)

Humus Sacile: Del Ben, Gri 10, Biscontin 2, Gelormini 6, De Marchi 6, Fabbro 12, Corazza 3, Palazzi 14, Scodeller 24, Zambon, Pignaton 17, Moro.

G Service UBC: Sara, Trevisini 15, Lazzati 5, De Simon 6, Favero 1, Pignolo,  Gabai 3, Paradiso 24, Carnielli 3, Zanelli 3.

Arbitri: Lunardelli e Bonanno

Ufficio stampa UBC