Trento in campo domenica a Verona

  • Tezenis Verona (1-4) vs. Dolomiti Energia Trentino (3-2)
  • 6a giornata LBA Serie A UnipolSai | AGSM Forum, Verona

La Dolomiti Energia Trentino

Tre vittorie nelle prime cinque giornate di campionato hanno permesso alla Dolomiti Energia Trentino di presentarsi all’ultima fatica prima della finestra FIBA di novembre con un buon bottino in termini di punti in classifica e con la sensazione di essere stati protagonisti di un buon avvio di stagione, nonostante le nuvole grige di un’EuroCup ancora senza sorrisi. Ritrovare solidità e brio nelle due metà campo sarà imperativo per fronteggiare al meglio una Verona ferita e che giocherà anche sull’entusiasmo del suo pubblico per tornare al successo: coach Lele Molin per riscattare l’opaca serata di Tel Aviv, a Verona potrà contare sul suo roster al completo, con l’eccezione di Max Ladurner ancora alle prese col recupero dal suo problema alla schiena.

Dopo la sfida con la Scaligera, come detto, la finestra FIBA e la “pausa” che vedrà poi la Dolomiti Energia Trentino tornare in campo solo domenica 20 novembre contro la Virtus Segafredo Bologna. Sono già in vendita i biglietti per assistere a uno dei big match della stagione: i ticket sono disponibili online su tickets.aquilabasket.it/ e presso l’Aquila Store di Corso del Lavoro e della Scienza (lun 15-19, mar-sab 11-19).

Nella pausa per gli impegni delle nazionali saranno a disposizione delle proprie rappresentative i due Azzurri Matteo Spagnolo e Diego Flaccadori oltre all’ala lettone Andrejs Grazulis, convocato dal CT della Lettona Luca Banchi per le sfide contro Grecia e Gran Bretagna.

L’avversaria: Tezenis Verona

Salutato Wayne Selden, “eroe” del successo di Verona alla prima giornata contro Brindisi, la Scaligera ha accolto in settimana l’ex Trento Jamarr Sanders: la guardia classe ’88 in bianconero tra il 2014 e il 2016 ha giocato 78 partite ufficiali tra campionato e coppe, segnando 681 punti e mandando a bersaglio 100 triple. Il veterano statunitense, protagonista in Serie A anche con le maglie di Trieste e Tortona, è chiamato ad essere “l’equilibratore” di una squadra dal grande potenziale ma che ha raccolto poco in termini di classifica soprattutto per colpa di un calendario davvero ostico che in campionato l’ha messa già alla prova con Sassari, Virtus Bologna e Milano. I migliori tra i ragazzi di coach Ramagli, almeno dal punto di vista realizzativo, sono stati il tiratore statunitense Karvel Anderson, tra gli eroi della promozione in Serie A, che viaggia a 14,2 punti di media con il 43% da tre, e il centro Tyler Smith, lungo da 12,2 punti e 7,4 rimbalzi a partita. Ma la Tezenis può contare anche su un’ala dall’atletismo devastante come Holman e sulla capacità di regia della coppia di paly italiana formata da Cappelletti e Imbrò, storicamente uno che contro l’Aquila ha sempre fatto bene.

Il dato statistico

Verona è la miglior squadra della Serie A per palloni recuperati di squadra a partita: ecco perché la Dolomiti Energia, che spesso è incappata in serate difficili nel controllo dei propri possessi offensivi, dovrà fare particolare attenzione a non produrre troppe palle perse e a controllare il ritmo dell’incontro il più possibile.

La possibile chiave della partita

La voglia di rivalsa dei bianconeri dopo il -30 di Tel Aviv, la necessità di tornare a muovere la classifica dopo quattro sconfitte consecutive per i gialloblù: Trento e Verona hanno forti motivazioni anche al di là della tecnica, della tattica e della parte più “sportiva” della sfida. Con il carattere non si fanno canestri, ma si possono fare le piccole grandi cose che fanno vincere le partite.

Uff. stampa Aquila Basket