Acciaierie Valbruna in ripresa, ma Udine è più forte

Guardando la classifica la favorita era sicuramente Udine. 5 vittorie consecutive parlavano di una squadra in salute, pronta a bissare l’ottimo secondo posto conseguito nella scorsa stagione. In estate le friulane hanno cambiato la loro conformazione, mantenendo i pezzi pregiati ed integrandoli con giovani di grande interesse futuro. Stessa strada per Bolzano, che ha rivoluzionato la squadra per cercare una salvezza non facile in un campionato equilibrato e competitivo. La cronaca dell’incontro vede Udine sempre avanti, a tratti di poco, a tratti con una diecina di punti tallonata dalle Sisters che, con orgoglio e determinazione cercano di raggiungere le ospiti e rendere loro difficile la gara.

Partenza in equilibrio con Udine che difende con ordine ed energia, facilitata da due direttori di gara poco inclini a rilevare qualsivoglia tipo di contatto. Poi alcune conclusioni sottomisura fallite per poco regalano un piccolo vantaggio ad Udine che chiude il primo quarto avanti ( 16-21). Nel secondo quarto Bolzano si fa sorprendere da alcuni contropiedi avversari, il più delle volte concessi per palle perse. Anche in attacco si notano delle sbavature ed i cambi entrati in campo non danno il solito contributo di energia. Al riposo di mezza gara Udine sembra avere il controllo delle operazioni, ma le Sisters dimostrano di avere orgoglio e con una difesa che ha alternato tratti a zona e tratti a uomo ingarbugliano le trame avversarie e si portano a -6, alimentando seri intenti di agganciare le più forti avversarie. L’ultimo quarto continua con l’energia delle padrone di casa e la freddezza delle ospiti che mantengono sempre 6-8 punti di vantaggio nonostante l’assalto finale di Acciaierie Valbruna Bolzano.

Per Udine prova magistrale del trio Bovenzi (13) , Ronche (17) e la decisiva Bacchini con 16. Sue le bombe decisive che hanno fermato la rimonta bolzanina e che testimoniano la crescita di questa atleta, reduce da altre prestazioni convincenti in questo inizi di campionato.

Per Bolzano interessante prestazione della squadra a livello difensivo, buona prova a rimbalzo per Jurhar che non è stata altrettanto felice nelle conclusioni sottocanestro e in ripresa la prestazione della play De Marchi, che ha alternato ottime azioni a qualche evitabile errore.

Coach Pezzi: ” L’impegno era serio e venivamo da una brutta gara a Trieste. Udine è squadra da piani alti della classifica, organica e compatta, ricca di talenti ed in estrema salute. Abbiamo cercato con volontà di azzerare il gap sia tecnico che fisico arrivando in alcune fasi della gara abbastanza vicino alle nostre avversarie. La difesa mi è piaciuta per energia e per attenzione, come il temperamento espresso sottocanestro. Di contro non mi ritengo soddisfatto per la prestazione offensiva che è migliorabile sotto tutti gli aspetti. Complice il fatto che gli arbitri hanno utilizzato pochissimo il fischietto, consentendo contro Nasraoui e Jurhar un gioco molto “fisico”, le percentuali di tiro non sono state quelle che servivano per vincere una gara di questo livello. Anche le esterne non hanno brillato particolarmente nelle conclusioni. Per vincere gare contro le top del Campionato è necessario che tre tasselli si compongano: difendere bene, e l’abbiamo fatto. Attaccare bene e non l’abbiamo fatto e trovare degli arbitri che sanzionino i contatti ed i colpi sul corpo in fase di tiro e purtroppo abbiamo trovato una coppia poco incline nel farlo.

Ancora Coach Pezzi: ” Siamo in un momento di transizione. La squadra tutta nuova cerca la sua dimensione e questa ricerca procede a fasi alterne. Dobbiamo concentrarci maggiormente su noi stessi ed esprimere un gioco migliore in attacco. Adesso due settimane di ” fermo tecnico” per impegni in Nazionale della nostra straniera, vedremo di utilizzare gli allenamenti per mettere meglio a punto i meccanismi sia in difesa che, sopratutto, in attacco”

Acciaierie Valbruna Bolzano vs WomenAPU Delser Crich Udine 57 – 66 (16-21, 30-43, 46-54, 57-66)

Acciaierie Valbruna Bolzano: Nasraoui* 14 (4/9, 1/2), Mohr NE, Giordano* 9 (3/8, 1/2), Scordino 2 (1/1 da 2), Boccalato 2 (1/3, 0/1), De Marchi* 7 (3/5 da 2), Cela 2 (1/3, 0/2), Fabbricini, Grazioli NE, Marcello, Schwienbacher* 12 (1/5, 3/7), Jurhar* 9 (4/14, 0/3). Allenatore: Pezzi A.

Tiri da 2: 18/49 – Tiri da 3: 5/17 – Tiri Liberi: 6/8 – Rimbalzi: 43 14+29 (Jurhar 16) – Assist: 4 (De Marchi 2) – Palle Recuperate: 5 (Giordano 2) – Palle Perse: 14 (De Marchi 3)

WomenAPU Delser Crich Udine: Bovenzi* 13 (5/9, 1/4), Ronchi* 17 (5/9, 1/6), Penna NE, Bacchini* 16 (2/5, 4/8), Turmel* 7 (3/5, 0/1), Lizzi 2 (0/2, 0/1), Pontoni 6 (2/4 da 2), Da Pozzo*, Agostini NE, Mosetti 2 (1/5, 0/1), Gregori 3 (0/2, 1/4). Allenatore: Riga M.

Tiri da 2: 18/42 – Tiri da 3: 7/25 – Tiri Liberi: 9/11 – Rimbalzi: 42 13+29 (Turmel 7) – Assist: 1 (Bovenzi 1) – Palle Recuperate: 7 (Ronchi 3) – Palle Perse: 13 (Da Pozzo 4)

Arbitri: Di Franco M., Gurrera S.

Uff. stampa Pall. Bolzano